AZIENDE

Altra asta senza acquirenti per l'area ex Girmi a Omegna

Un marchio storico, uno stabilimento che non riesce a trovare una nuova collocazione dal 2013: nove tentativi andati a vuoto e un futuro sempre incerto

OMEGNA. Diminuiscono le speranze di restituire un futuro a un nome che è stato grande nel passato. Anche sotto la soglia dei due milioni di euro, di acquirenti non se ne sono visti. La ex Girmi a Omegna rievoca una storia industriale che ormai è solo un ricordo. Così come i nove tentativi fatti ormai dal 2013 per mettere all’asta tutto lo spazio del vecchio complesso industriale. L’ultimo appena qualche mese fa, un’altra fumata nera a dicembre, con un prezzo base che è arrivato a toccare 1,6 milioni di euro.

Del resto già nel 2016 erano stati fatti un paio di tentativi a quota 2 milioni e nei quattro anni precedenti la cifra era scesa dagli iniziali 7 milioni di euro. Ma nessuno fin qui ha voluto occuparsi dell'area di 36 mila metri quadrati di via Leonardo da Vinci a Cireggio, un complesso con due strutture collegate e composte dal vecchio stabilimento di produzione, magazzini, mensa, spogliatoi e pensiline oltre a spazi che servivano per uffici, autorimesse e portineria. Il problema è che servirebbero interventi importanti per smantellare e bonificare per poi pensare a un’eventuale riconversione. Proposte concrete sul tavolo di fatto non sono arrivate. Tutto quanto si è ipotizzato negli anni - in fondo - non è mai neppure stato messo sulla carta.

Si è parlato di possibili progetti ma sempre in maniera informale, magari durante visite fatte da imprenditori (anche stranieri) a caccia di affari sul lago e dintorni: oltre a questo però non si è mai veramente andati. L’area ex Girmi resta una questione spinosa per tutti ora.

Categoria:

Regione: