FERROVIE

"Situazione inaccettabile". La Regione contro Trenitalia

Ritardi e disagi, l'assessore ai trasporti Balocco elenca i problemi. La replica: "A gennaio è migliorata la puntualità e molti problemi sono stati causati dal maltempo o da atti vandalici"

TORINO. Da una parte aumenti improvvisi e pesanti con conseguenti polemiche. Dall'altra ritardi e scomodità che si ripetono, soprattutto per i pendolari che i treni li usano per lavoro tutti i giorni. La situazione della mobilità ferroviaria in Piemonte diventa ogni giorno più allarmante.

L’assessore regionale ai Trasporti, Francesco Balocco segnala il disagio in una nota riportata da Repubblica: "È inaccettabile, in gennaio è anche peggiorata in termini di ritardi e disservizi, per questo abbiamo chiesto a Trenitalia, Gtt e Rfi di rimediare al più presto a questa situazione di cui comunque terremo conto nelle procedure per l’affidamento del servizio ferroviario regionale e metropolitano". Ci sono stati “pesanti ritardi e soppressioni di treni sulla linea Pinerolo-Chivasso". Ma anche sulle tratte Bra-Cavallermaggiore, Alba-Torino Stura. Senza contare i tanti disservizi denunciati dai pendolari e dagli utenti sulle linee Torino-Milano, Cuneo-Torino e Savona-Torino.

Per questo l’Agenzia della Mobilità Piemontese ha scritto la scorsa settimana a Trenitalia, GTT ed RFI. "Tra le cause - scrive Balocco - sicuramente c’è la riduzione della velocità imposta dal gestore dell’infrastruttura in seguito ai danni provocati dalle alluvioni di novembre, ma questo giustifica solo in minima parte un quadro decisamente negativo". In particolare, secondo l’assessore "vanno recuperati gli indici di puntualità e confortati i passeggeri sulla capacità delle imprese ferroviarie di mantenere l’offerta commerciale pubblicizzata e sulla quale i pendolari impostano scelte di di vita. Gli utenti lamentano anche la mancanza di informazione a terra e a bordo dei disservizi stessi".

La replica di Ferrovie non si fa attendere: "Nel mese di gennaio - dice l’azienda - è migliorata la puntualità su tutte le linee e negli ultimi due mesi si è registrato un -59% di cancellazioni". Sulla sospensione di ieri mattina sulla linea SFM 2 Pinerolo-Chivasso, Ferrovie ribadisce che i problemi sono stati causati dal conducente di un mezzo pesante che ha danneggiato le sbarre del passaggio a livello e la linea elettrica. Per le altre tratte, in particolare la Torino-Savona, le Ferrovie sottolineano che le piogge particolarmente intense di novembre hanno provocato movimenti franosi, che hanno imposto a Rfi i rallentamenti. E poi le gelate, gli atti vandalici e il mancato rispetto del codice della strada da parte degli automobilisti in transito dai passaggi, in particolare sulle linee Torino-Pinerolo, Chivasso-Ivrea e Alba-Carmagnola. "Tuttavia - spiega una nota di Trenitalia - a gennaio tutte le linee registrano un trend positivo con un miglioramento della puntualità del 4,1% sulla Pinerolo-Chivasso, +7,4 % sulla Torino-Bra-Alba, il 3% in più dei collegamenti puntuali sulla Torino-Fossano arrivando a superare l’11% di miglioramento sulle linee Torino-Savona, Torino-Milano e Alba-Cavallermaggiore dove i dati certificati riscontrano che il 97,9 % dei treni è arrivato puntuale". Ferrovie assicura infine che presto saranno eseguiti gli interventi di manutenzione straordinaria e rinnovati gli impianti del nodo di Torino e della linea Torino-Savona: entro primavera si dovrebbe tornare alla normalità.

Categoria:

Regione: