ECONOMIA

Aziende piemontesi, dati negativi per il quinto anno di fila

Camera di Commercio, saldo delle imprese negativo per 519 unità. Il presidente Unioncamere, Ferruccio Dardanello: "La crisi che ha colpito il tessuto imprenditoriale regionale non si è ancora conclusa, pur essendosi attenuata nell'ultimo biennio"

TORINO. Per il quinto anno consecutivo il tasso di crescita delle imprese piemontesi risulta negativo (-0,12%). Un dato tra l'altro in controtendenza rispetto alla media nazionale (+0,68%).

In base ai dati del Registro imprese delle Camere di commercio, nel 2016 sono nate 26.447 aziende in Piemonte, a fronte delle 26.155 nuove iscrizioni registrate nel 2015. Al netto delle 26.966 cessazioni, il saldo è negativo per 519 unità. Le imprese registrate a fine 2016 sono 438.966, confermando il Piemonte in settima posizione tra le regioni italiane, con oltre il 7% delle imprese nazionali. "La crisi che ha colpito il tessuto imprenditoriale regionale non si è ancora conclusa, pur essendosi attenuata nell'ultimo biennio", commenta Ferruccio Dardanello, presidente dell'Unioncamere Piemonte.

Andamenti negativi sono stati rilevati in tutte le province, a eccezione di Novara, che registra un tasso di crescita positivo (+0,25%), e di Torino, che manifesta una sostanziale stabilità (+0,07%). Il turismo registra la performance migliore (+1,21%).

Categoria:

Regione: