RICETTE ELETTE

Come preparare una "torta di mele di antica memoria"

Torta di mele di antica memoria
Volete cucinare con noi? Seguiteci, provate e siamo certi che ci ringrazierete. Fateci sapere scrivendo a: torinocq24@gmail.com

C'era una volta, direi fino a venticinque anni fa, un forno di panettiere in una cittadina, retaggio di quello comunitario del secolo scorso e di quello precedente. Ebbene la proprietaria cuoceva ottimo pane, biscotti semplici detti da credenza e soprattutto una torta di mele assolutamente diversa da ogni altra che io avessi mai assaggiato. Cercando di strappare la ricetta in modo del tutto infruttuoso, mi recavo spesso a fare acquisti presso di lei, ma all'improvviso la bottega chiuse i battenti e ... fine della storia.

Passano alcuni anni e papà conoscendo la mia passione per il collezionismo di ricette, mi regalò un piccolo librino di una cinquantina di pagine in tutto, copia anastatica di un testo introvabile. Il cerchio si chiuse perché all'interno trovai la ricetta della torta di mele molto particolare. Eccovela nella speranza che anche a qualcuno di voi torni in mente un sapore provato tempo fa.

Acquistate due chili di mele, sbucciatele e tagliatele a pezzettini facendole cadere in una casseruola, aggiungete poi 200 gr di zucchero semolato e mezzo bicchiere di vino bianco secco: mettete a cuocere a fuoco basso finché le mele saranno diventate poltiglia un po' asciutta, frullatele e lasciatele raffreddare, poi unitevi un tuorlo sbattuto e due cucchiai di Rum. Montate a neve ben soda un albume e tenetelo da parte. Tritate 150 gr di amaretti insieme con 150 gr di biscotti secchi, unite 70 gr di cacao e amalgamate il tutto alle mele cotte. In ultimo mescolate al composto l'albume precedentemente montato a neve avendo cura di non smontarlo e servendovi magari di una frusta. Imburrate molto bene una teglia rotonda alta sei sette cm e versatevi il composto. Cuocete in forno preriscaldato a 150-170 gradi per un'ora e mezza almeno.

La torta di mele sarà cotta quando la lama di un coltello inserita al centro ne uscirà pulita e potrà essere servita tiepida, a temperatura ambiente o anche fredda di frigorifero.

di RENATA DANIELI

Regione: